L’uomo va giudicato soprattutto dai suoi vizi;

le virtù si possono fingere, i vizi sono sempre

genuini.