Sorprendi di notte
con le dita tue lievi
suonando memorie e fuggite visioni

Goccia a goccia
il ricordo mi bagna di te
trafiggendomi il petto
come piccole spine

E poi rulla
scroscia
e lava via
il tuo pensiero
la nostalgia