"Cos'è che spinge un cineamatore a praticare questo hobby? Si tratta forse di una gratificazione dell'io? Una risposta all'insoddisfazione personale? In realtà il cinema non è altro che un modo per trasmettere un'emozione agli spettatori. Il cineamatore prova un'emozione personalmente e tenta di trasmetterla agli spettatori. Nel momento in cui fa questo riesce ad entrare nell'anima delle persone e ad unificarsi con lo spettatore. Nell'attimo in cui questi avverte la stessa emozione che ha avvertito il cineamatore quando ha vissuto per conto proprio un episodio, si crea tra le due figure una vera unione spirituale"