LA SOLITUDINE.

 

(ovvero: manuale di sopravvivenza di un 66enne vedovo).

Dopo 10 mesi e qualche giorno di vedovanza penso sia bene ed utile, per autoschiarirmi le idee, fare il punto della situazione dando anche una serie di consigli ai malcapitati che possano essere nelle condizioni di vita simili alle mie.

 

La casa.

Normalmente sarete chiamati a vivere nella stessa abitazione in cui avrete vissuto da sposati, così densa di ricordi e di oggetti, che provoca sentimenti che vanno dal dolore disperato del ricordo del periodo della fase acuta della malattia al dolore sottile, e per questo non meno grande, del ricordo dei bei momenti trascorsi durante la vita di coppia.

La mia potrebbe essere definita una seconda casa, anche se fa 130 mq, e si trova in un quartiere esclusivo in una esclusiva località turistica sul mare. L’abbiamo abitata per 8 anni con Mimi. Personalmente senza troppi entusiasmi ma, essendo felicissima Mimi di abitarvi, un po’ pigramente come tutti i vecchi mariti innamorati, mi adeguavo al concetto che la felicità di mia moglie era un po’ anche la mia felicità.

Consiglio una profonda ristrutturazione dei muri, dei mobili (basta spostarli) e degli arredi sulle pareti.

La farete così un po’ meno sua e un po’ più vostra.

Dedicare poi un'attenzione maniacale alla pulizia e all'ordine della casa. Tutto deve essere in ordine e facilmente reperibile. Niente è più schifoso di un vecchio sporco e disordinato. Lavatevi spesso, deodoratevi e rispettate il vostro corpo. Fatelo imputridire con dignità.

Una vera e propria conquista sociale sarà la donna ad ore. Due volte la settimana. Non giovane e carina. Vi ecciterebbe subito e sareste ai suoi piedi. Possibilmente tracagnotta, pelosa e con non meno di 50 anni.

Ricordatevi: una bella casa pulita ed ordinata è l'inizio della serenità senile.  

La cucina.

Dovrà essere sana e non troppo abbondante. Fatevi da mangiare con ricercatezza scaricando le ricette dal web. Non potete immaginare quante mattinate di gioia ho passato quest'inverno a cucinare. Dopo un ragù alla salciccia particolarmente riuscito ho pianto di gioia!

Abolite aperitivi, vino e digestivi. Sono veri e propri veleni consumistici. Ciò vi garantiraà almeno 10 anni di vita serena in più. Che squallore un vecchio ubriaco di Amaro Averna... E quanti ce ne sono in giro....

Gli amici.

Categoria tra le più inutili per un tizio che vive solo. Di solito con voi coetanei e sposati. Quindi parlo di coppie di amici. Curiosi e interessati a sponsorizzare qualche single di sesso femminile in caccia di amori senili o di qualcuno che le levi dalle grane delle donne sole. In fondo gli amici son ben più contenti di commiserare il vedovo che essere commiserati loro se uno dei due fosse schiattato. Vi accorgerete piano piano che vi danno fastidio.E girerete alla larga se non lo faranno prima loro.

Stranamente vi sentirete più portati per stringere amicizie con gente più giovane di voi dai quali vi sentirete maggiormente attratti. Forse perché il frequentare i giovani vi aiuta a restare giovani (di testa) e perché loro sono un po’ come uno specchio nel quale rivedere la “vostra gioventu’”.

Attenti però con le donne. Oggi le donne sono cambiate: quando sentono di destare l’interesse di qualcuno pensano immediatamente che quel qualcuno se le voglia ingroppare. Mai una giovane (20 anni di meno) avrà una relazione con un vecchio ( 20 anni di più) se non per soldi o per interesse. La donna oggi è scopatrice ma sempre romantica e spera sempre di trovare un giorno l’amore della vita.

Vedasi in proposito le avventure del nostro Presidente impunito del Consiglio dei Ministri. Fellatio. Carfagna. Nano arrappato.

La barca.

E' componente essenziale di un vedovo che adora pescare al largo.In più con ogni tempo. Barca di 7metri, cabinata, l'ideale per la pesca alla traina. Il vero pescatore è solo e va al largo, molto al largo confortato dal sicuro rumore del diesel da 130 cavalli. Speriamo non si fermi col vento, se no finisco in Corsica. In mezzo al mare si pensa e si medita su tutto ed sul contrario di tutto. Vedovanza è sopratutto meditazione sulla giustizia e sull'ingiustizia divina che è particolarmente tangibile in mezzo al mare come in mezzo al deserto. Perchè è toccato a me????

 

Sentirsi solo.

Personalmente non mi sono mai sentito solo se riuscivo a stabilire con qualcuno una comunione di umani intenti applicata a comuni passioni tipo, politica, musica, letteratura e fotografia. Meglio ancora se su internet così riesci meglio ad idealizzare il rapporto. Stranamente sul web puoi avere, senza complessi di sorta,rapporti di amicizia anche con trentenni e giù di li.

 

 

Sesso.

Qui sono cazzi acidi. La libidine senile esiste ma è diversa dalla tradizionale. In più senza Viagra o Cialis è quasi impossibile avere un rapporto soddisfacente. Quindi con una di 20 anni più giovane potete immaginare l’imbarazzo ed il disagio…In attesa che la medicina faccia effetto potrete sempre mostrarle collezioni di stampe cinesi o declamare poesie di D'annunzio.

Ma vi assicuro c’è più rischio di farsi due risate che due scopate.

Potrete accoppiarvi o cercare di accoppiarvi con una coetanea, però la cosa diventerà ancora più difficile, forse meno ridicola, sicuramente un po’ tragica.

Quindi invito al sesso a pagamento con professioniste serie che sanno quel che trovano e che abbiano un buon rapporto prezzo/qualità.

Magari pensavate di trovare una puttana, invece avrete trovato un’amica.

Sconsiglio l’autoerotismo perché demode’.

Assordisce, e spendere 15 euro di viagra per una masturbazione è un po’ eccessivo!

 

La religione.

Ne sono assolutamente distante. Almeno da quella Cattolica. Le preghiere alla sera e basta! A volte arrivo all’esistenza di Dio attraverso ragionamenti spaziali cosmici sul sistema solare che mi fanno pensare che l’ordine dello spazio abbia una ragione. Lasciamo perdere Chiesa e Religioni varie. Se facessero il loro mestiere meno poveracci al mondo creperebbero di fame!

 

Il senso della morte.

C’è ed è molto vivo. Ho visto morire Mimi. Mimi è annegata per blocco renale con l’acqua che le ha invaso i polmoni.

Personalmente sarei quasi contento di crepare annegato in una tempesta al largo o trascinato fuori dalla barca da un tonno che ha abboccato e mi porta velocissimo in fondo al mare. Creperei si, ma rapidamente. Se fosse una cosa più lenta non so se avrei la forza d’animo che ha avuto la mia Mimi.

 

 

I soldi.

Ovviamente questo manuale non è fatto per pensionati poveri. Si presuppone un attore benestante che abbia budget per vivere bene. Come me insomma! Se però l'attore fosse un poveraccio non gli resta che trovare conforto nell'autoerotismo!

Se non ce la fa sarà un vecchio porco! Ma se ce la facesse potrebbe buttarsi in politica, in FORZA ITAGLIA, fare carriera, diventare ricco, e fottersi una VELINA!

W BERLUSCONI MODELLO DI VITA!

W il MINISTRO FELLANTE CARFAGNA!