ascaro41's articles

About...

Tempesta e faro. Il perfetto simbolismo dell'eterna lotta tra l'uomo e le avversita' della vita.
ascaro41
Translate into English

Archives

  • jean valjean.....

    - 7 years ago
    GIULIANA ovvero la stranezza del numero centotrentuno (65+66). Dialogo tra un Ascaro, un Angelo e un Diavolo. La pièce sarà recitata in un teatrino molto piccolo. Buio totale in sala. Tre attori sistemati a destra del palco illuminati da due coni di luce tipo led (fredda, anzi ghiacciata) vestiti con pantaloni e camicia neri. Leggono la loro parte su leggii di ferro (tipo spartito musicale). A sinistra un trio jazz (piano, drums& bass )…

  • natale da non ripetere

    - December 26, 2009 - 1 comment
    Mai più passero’ un Natale cosi… Ma poi…perché lamentarsi…in fondo cosa è il Natale? Una convenzione per borghesi coglioni che si fanno spillare soldi in nome di ideali consumistici catto-berlusconiani che convincono sempre meno. Quello che è più triste per i lupi solitari come me è che dopo l’abbuffata di vetrine consumistiche e di proletari che accorrono in centro a lustrarsi gli occhi ed a annusare l’odore delle cene natalizie dei ricchi, oggi 26 dicembre tutto è vuoto .....…

  • 3 foto

    - March 16, 2009 - 2 comments
    Sabato scorso la mia mente ha scattato tre istantanee che, essendo fotografie mentali, possono essere descritte solo dalla scrittura. Cercherò di farle vedere. La prima: Conferenza sulla storia di un convento tenuta da un frate cappuccino (credo il Priore dello stesso convento). La cosa che ha colpito il mio obbiettivo non è stato il contenuto ma il relatore. Sulla quarantina, alto, fisico atletico, una barbetta rada. Il presentatore deella manifestazion…

  • odio la fine (elogio del primo tempo....)

    - March  1, 2009
    ODIO LA FINE! (elogio del primo tempo…) Non mi interessa la fine dei film, dei concerti e delle opere. Normalmente mi interesso o mi entusiasmo solamente al primo atto o al primo tempo. Poi stranamente la mia concentrazione va, via via, scemando, tanto da implorare la fine per andarmene via. Forse è un inconscio rifiuto della realtà. Magari alla completezza de rapporto…. Nella vita di tutti c’è sempre un’inizio ed una fine, c’è una vita e c’è una morte…

  • un santo....

    - November 18, 2008 - 1 comment
    UN SANTO. Era circa la Pasqua del 2000. Decisi che dovevo rientrare nel gregge cattolico. Decisi di andare a confessarmi dopo 32 anni. Lo facevo ora di buon cuore dopo che le Suore Somasche mi avevano fatto uscire dall’inferno della vecchiaia di mia madre. In momenti ben peggiori (subito prima dell’operazione alla prostata) nella cappella dell’Istituto Oncologico Europeo la mia coscienza aveva rifiutato il confronto con Dio tramite il confessore. Comunque andai in p…

  • le istantanee della vita.

    - November 18, 2008
    LE ISTANTANEE DELLA VITA - 1946 Avro’ avuto si e no sei anni, in piazza Mazzini traverso la strada mentre sopraggiunge una 1100 nera anni 30 a tutta velocità’: grande stridio di freni, la macchina rallenta, io passo, la gente urla inorridita. Sono salvo la grande avventura della vita puo’ cominciare. - 1947 . Natale. Con mio nonno a Costasecca a raccogliere il muschio. Poi a fare il presepio nel suo “scagno” a Piazza Mazzini. La sera della vigilia nella cucina di Pi…

  • gli odiatissimi fighetti ovvero i rampolli della borghesia.

    - November 18, 2008
    Ieri 17/12/04 ho assistito ad una pessima “Traviata” al Carlo Felice. Negli intervalli la mia distratta attenzione è stata attirata da quattro coppie che si pavoneggiavano nel foyer. Provo a descriverle. Bellocci ed azzimati gli uomini. Meno belle ma tutte alte, bionde, forse un po’ grifagne come sanno essere le liguri di antico casato, le donne. Il gruppetto faceva un educato casino, lo stretto necessario per mettersi in mostra quanto basta. Chiaramente…

  • la morte (2000)

    - November 18, 2008
    LA MORTE. In un mondo votato al consumismo come il nostro la morte è minimizzata. Nessuno ne parla se non in casi estremi. Ed anche qui viene citata come conseguenza di catastrofi, guerre, stragi. Nessuno (parlo dei Media) entra nel merito della sua essenza intesa come fine dei valori terreni quali bellezza, ricchezza e consumismo che sono poi i principali motori della vita di oggi. Nessuno o pochissimi osa pensare serenamente al “dopo la morte”. Quali saranno i n…

  • quel semaforo a Diano Marina.

    - November 18, 2008
    Eravamo a fine anno 1971. Soletanche era finita male. Tornavo a casa con le pive nel sacco e con il dubbio (poi felicemente svanito) se quei quattro anni trascorsi in Francia fossero stati positivi, almeno nel processo della mia formazione professionale. Di certo era che non avevo più un lavoro e per di più avevo una moglie sul gobbo. I miei genitori, allora ancora giovani, mia madre 49 e mio padre 62, avevano preso con un fastidio egoista il mio ritorno a casa. Insomma ero un proble…

  • il capolinea.

    - November 18, 2008
    IL CAPOLINEA. Finalmente, dopo tanto pensare, ho trovato il sostantivo adatto per definire la città o meglio il paese nel quale sono finito a vivere presubilmente gli ultimi anni (o mesi…o giorni) della mia vitaccia disperata e spericolata (…ala Steve Mc Queen…). Quando ero ragazzo e, sfortunatamente, vivevo nello stesso posto vedevo i vecchi con un altro occhio. Cioè il mio occhio era più radicale: i vecchi erano vecchi e gli altri (giovani o adulti) erano diversi.…

  • ricordi scritti nel 2000: LA SOLITUDINE DI NOI DUE::::

    - November 17, 2008
    Eravamo soli nella nostra debolezza intrinseca costituitasi su famiglie balorde. Ci siamo sposati da soli pur circondati da un mondo di zombies in una cerimonia assurda e paradossale. Abbiamo vissuto da soli, ignorando amicizie e vita sociale per paura che la nostra solitudine fosse rovinata. Abbiamo lottato e affrontato da soli, senza aiuto, le difficoltà che la vita poneva ad una coppietta partita dal nulla in una bella giornata di sole primaverile…

  • lugano 11-10-08. una prova di un eterno amore.

    - October 12, 2008
    il giorno 11-10-08, invitato dallo IOSI di Bellinzona ho introdotto così una spettacolo di teatro interattivo che aveva per tema: IL CANCRO (ti voglio tanto bene) grazie per i lettori che lasceranno un commento!

  • LE RAGIONI DEL CUORE

    - August 14, 2008 - 4 comments
    "Il cuore ha le sue ragioni che la ragione non conosce!" Biagio PASCAL. "Le coeur a ses raisons que la raison ignore..." Blaise Pascal Sto vivendo una strana sensazione provocatami da un incontro con una persona che ho amato alla follia 43 anni fa e che ha rischiato di rovinarmi la vita. La ragione mi dice di darmela a gambe. Il cuore invece mi spinge a amarla anche dopo 43 anni! Ieri sera, per una strana combinazione, ho visto su SKY Tv il film "L'amore ai tempi del colera" tra…

  • UMBRIA JAZZ!

    - July 17, 2008
    A PERUGIA 3 ANNI DOPO…… Dai coraggio Ascaro, mi sono detto.. Così un mese fa ho prenotato l’Hotel e domenica sono partito. La solita Perugia. In tre anni (dal 2005 al 2008) è cambiata pochissimo, forse è anche migliorata. Già! E’ la prima volta che vengo qui da solo. L’ultima volta è stata l’ultima vacanza con Mimi. Mimi sapeva ed io non ancora. Ho cambiato hotel passando da un 2 stelle (IRIS) ad un 4 stelle lusso (SANGALLO), Mimi era parsimoniosa forse anche un…

  • LA SOLITUDINE.

    - July  8, 2008 - 5 comments
    LA SOLITUDINE.   (ovvero: manuale di sopravvivenza di un 66enne vedovo). Dopo 10 mesi e qualche giorno di vedovanza penso sia bene ed utile, per autoschiarirmi le idee, fare il punto della situazione dando anche una serie di consigli ai malcapitati che possano essere nelle condizioni di vita simili alle mie.   La casa. Normalmente sarete chiamati a vivere nella stessa abitazione in cui avrete vissuto da sposati, così densa di ricordi e di oggetti, che provoca…

  • VEDOVO DA SEI MESI!

    - March 13, 2008 - 1 comment
    Vedovo da sei mesi…Un primo bilancio.   Nella vita tutto dovrebbe essere visto positivamente ed io ho provato a farlo pur in questa nuova situazione di “vedovanza”. La mia “vedovanza” non è stata improvvisa: un tumore, anzi due annunciano il trapasso con grande preavviso. Anzi per assurdo in 2,5 anni hai tutto il tempo di prepararti a questo evento. Il tumore provoca tante e tali sofferenze (sia fisiche che mentali) nella tua partner che alla fine la morte sembra quas…

  • vedrai, vedrai..vedrai che passerà....

    - March  1, 2008
    Così diceva Luigi Tenco, cantautore suicida, in una sua vecchia e bellissima canzone. Già, mi diceva ieri un mio amico, il tuo dolore, e quindi la mancanza per la perdita di tua moglie, piano piano si attenuerà col passar del tempo, è una cosa inesorabile, succede a tutti così. Risposi: la mia attuale sensazione a 6 mesi dalla morte di Christiane è di uno che abbia perso un braccio. Certo continua a vivere, ma non è più una vita. Una vita normale!  

  • LA FEDE ED I MISTERI DELLA VITA!

    - February  7, 2008 - 1 comment
    Niente è più banale e nello stesso oscuro come la nascita di un essere umano. Ecco cosi si intende per casualità. In funzione di dove (stato e famiglia) uno nasce, è già fissata una buona parte del suo destino. Si può nascere con le stesse probabilità figli del Padrone della Fiat o figli di un morto di fame della Somalia. Il primo destinato a carriere, onori e impunità, il secondo destinato ad una orrenda vita se riuscirà a sopravvivere alle più micidiali malattie dell’infan…

37 articles in total