Carissimi,

l'Italia si è desta finalmente! Dopo un mese di scioperi sull'aberrante legge Gelmini sulla scuola, che ghettizza gli immigrati, toglie importanti risorse all'università (decreto Tremonti) trasformandole in futuro de facto in fondazioni di diritto privato, i compagni studenti hanno dimostrato a Piazza Navona che non ci sono spazio per fascisti e manganelli. W il 1968!! Quindi è ora che il maggior sindacato della sinistra italiana rompa gli indugi e leghi la giusta lotta per il salario e contro il precariato a quella degli studenti per il diritto allo studio e alla uguaglianza garantito dalla Costituzione. Compagni Avanti!! Camerata basco nero il tuo posto è al cimitero!!