Di che coppia sei?
di Pigi Mazzoli
Pubblicato da "Pride", maggio 2003

Basta coi freddi studi sociologici che vogliono descrivere il nostro mondo!
È ora di fare da sé.
Un tentativo semiserio di catalogare le coppie gay.
Ogni riferimento a fatti o persone realmente esistenti è puramente casuale.

Coppia monogamica del terrore.
Non si tradiscono mai. La certezza viene a volte da episodi di violenza scatenati da un semplice sguardo a qualcuno per strada. La gelosia viene rapidamente bilanciata, in alto, fra i due fidanzati. Tutti gli amici sono a conoscenza dei litigi ma sono certi che non si lasceranno mai, al limite uno ucciderà l'altro. Potrebbero non essere mai stati innamorati ma mentono spudoratamente agli amici pur di essere invidiati, unico cemento della coppia. Il loro grande cruccio è di non potere avere figli come fanno le coppie eterosessuali per superare le crisi.

Coppia monogamica della paura.
Non si tradiscono mai perché sanno che se dovessero essere scoperti sarebbero lasciati, e sono certi che resterebbero soli per il resto della loro vita. Non sono mai stati veramente innamorati ma hanno imparato a creare una civile convivenza. Solo gli amici intimi sanno quanto si detestano. Dopo sette anni potrebbe iniziare un periodo di guerra silenziosa e di dispetti che portano a rottura con litigio. Se hanno comprato la casa assieme piuttosto le danno fuoco pur di non lasciarla all'altro.

Coppia monogamica fraterna.
Sono identici. Gli amici confondono sempre i nomi. Si sono scambiate le madri già dopo pochi mesi. Dopo sei mesi rivitalizzano la loro vita sessuale ricorrendo alla pornografia. Dopo un anno e un notevole esborso in filmini porno, smettono di essere monogamici e iniziano a cercare il terzo. Si danno, come regola, di farsi un terzo sempre in coppia e mai da soli. Quando capiterà nel letto qualcuno di notevolmente più eccitante la coppia si separerà e nascerà una nuova coppia, di solito una "monogamica passionale".

Coppia monogamica passionale.
Nata da un colpo di fulmine. Ha rivoluzionato la vita di entrambi, di entrambe le famiglie e di tutti gli amici. Se, finita la passione, si dovessero lasciare, resteranno ottimi amici, scatenando la gelosia dei futuri fidanzati reciproci. Non si tradiscono perché manca l'interesse verso gli altri.

Coppia standard.
Di solito ben assortita, riservata verso l'esterno, lascia impreparati gli amici quando si dovessero lasciare. Ha sperimentato tutto, dallo scambio dei ruoli al sesso sadomaso. Nessuno degli amici ha mai indovinato chi è l'attivo e chi il passivo nella coppia. Non si confessano la totalità dei tradimenti, solo quelli che non possono nascondere, ma minimizzano l'eventuale passione, al limite cercano di impostare un rapporto a tre. Si spingono a comprare gli elettrodomesti e i mobili assieme ma non la casa che sarà in affitto.

Coppia d'immagine.
La loro promessa di matrimonio è stata: "Non tradirmi, ma se tu lo facessi cerca di non farmelo sapere, ma soprattutto che non lo sappiano assolutamente i nostri amici". Avendo i piedi per terra hanno registrato tutti gli acquisti fatti in comune, per poter dividere equamente le proprietà al momento del divorzio che considerano inevitabile. Dopo la rottura fingeranno sempre di conservare ottimi rapporti ma si odieranno cordialmente.

Coppia spontanea.
Non sanno che ne sarà della loro vita. Quando si sono ritrovati a letto la prima volta hanno scoperto di essere entrambi attivi o entrambi passivi, ma si sono adattati. Conservano ognuno la loro casa ma si scambieranno i vestiti, soprattutto le mutande, per comodità di lavaggi e armadi. Con scandalo degli amici si consigliano vicendevolmente gli amanti occasionali. Non litigano mai, tuttalpiù si mentono spudoratamente per non ferire l'altro. Hanno speranza di arrivare in coppia all'età della pensione. Quando sono con amanti occasionali dicono di essere già fidanzati solo dopo aver fatto sesso, considerandolo un fatto di secondaria importanza.

Coppia segreta.
Di essere fidanzati lo sanno solo loro, i loro rispettivi fidanzati sono rigorosamente all'oscuro di tutto. A loro modo sono fedeli per cui non fanno mai sesso sicuro. Se dovessero diventare sieropositivi ammetteranno solo dei rapporti orali occasionali in un momento di debolezza, giurando in uno sfortunatissimo e rarissimo caso scientifico di infezione per rapporto orale senza scambio di sperma. Il motivo è da ricercare nel fatto che anche i rispettivi fidanzati hanno a loro volta dei fidanzati segreti, coi quali ugualmente non fanno sesso sicuro.

Coppia impari.
Per definizione si chiama coppia impari quella con una differenza di almeno vent'anni fra i due. Di norma il più giovane ama la discoteca dove passa tutti i suoi fine settimana, scegliendo rigorosamente i locali con dark room. L'amico più anziano invece è di solito teledipendente ma con una buona raccolta di cassette pornografiche e libri di cucina. Al suo ritorno gli fa ritrovare cene luculliane inesorabilmente fredde e rovinate per stimolare i suoi sensi di colpa, ma inutilmente.
Più raro il caso in cui il membro anziano della coppia è ancora un frenetico frequentatore di tutte le feste notturne leather, dove trascina il sonnolente giovane amico, ma aspetta che questo si addormenti su una sedia per partecipare finalmente alle più affollate orge vecchio stile che si possano immaginare. Si scambiano volentieri i preservativi per non permettere un controllo da parte dell'altro sulle quantità usate in sua assenza momentanea.

Coppia golosa.
Quando erano ancora singoli sublimavano nel cibo il sesso. Continuano a farlo. Hanno il problema di mangiare troppo e di addormentarsi subito quando vanno a letto, e quindi di non scopare mai. Amando cucinare anche per gli amici organizzando pranzi fantasiosi, con il segreto scopo di far fermare qualche nuova conoscenza per la notte, nel qual caso non si addormentano, e non lasciano dormire neppure l'ospite.

Coppia lontana.
Con oculatezza si sono trovati con almeno quattro ore di viaggio fra di loro, tanto per evitare sorprese. Giurano di non poter cambiare lavoro, o di non poter lasciare l'anziana madre. Se si raggiungono in auto conosceranno tutti i parcheggi autostradali; se in treno, cercheranno i vagoni meno affollati ma lo scompartimento con quello giusto da guardare e sognare. Sarebbero rimasti volentieri singoli e casti se la carne non fosse debole, in fondo è meglio un piccolo viaggio con una meta certa piuttosto che andare a battere ogni settimana (caldo, freddo, zanzare, sonno...). Vanno in vacanza assieme e di solito litigano per ogni decisione. La vacanza è anche il momento in cui queste coppie si rompono, quando uno dei due, incuriosito, segue l'altro e lo trova in compagnia dietro un cespuglio.

Coppia lontanissima.
Non è una variante della coppia lontana. I due devono essere almeno in due nazioni diverse, oppure avere l'oceano in mezzo. Si vedono solo per le vacanze, dove a turno uno si reca in visita all'altro. Si piacciono molto, non si capiscono affatto, ma trombano alla grande. L'altro è soprattutto un comodissimo alibi per evitare coinvolgimenti con gli amanti occasionali: "Io sono fidanzato". Di solito imparano una lingua e risparmiano sui costi delle ferie (si paga solo il viaggio).

Coppia danarosa.
Si sono messi assieme per avere a disposizione sia la Mercedes berlina che la Pagoda, sia la casa al mare che quella in montagna. Hanno lo stesso Rolex. Entrambi ad alto reddito, quando la passione con gli anni svanisce si ritrovano a mantenere schiere di giovani marchette, rovinando il mercato ai clienti poveri perché pagano tariffe troppo alte. Vorrebbero sposarsi fra di loro per non dover lasciare i loro averi ai parenti, che di solito attendono con impazienza la dipartita del ricco parente scapolo.

Coppia economicamente impari.
Sotto questa definizione si raccolgono diverse gradazioni di rapporti. Di solito tutte le decisioni sono prese dal ricco, mentre l'altro medita vendetta in vecchiaia, oppure un furto. Potrebbe essere che tutte le decisioni, e il potere, le abbia il membro nullatenente della coppia, ma perché questo succeda di solito esso deve avere un membro superiore ai venti centimetri.

Coppia badante.
"Ci siamo conosciuti al mare che io avevo sedici anni e lui cinquantadue. Oh, aspetta un attimo che gli devo andare a mettere il catetere". I ruoli si sono scambiati durante il tempo. Con ottimo senso pratico il cinquantaduenne ha fatto studiare il sedicenne proletario da medico, per garantirsi una serena vecchiaia.

Coppia riprodotta.
"Non posso lasciare mia moglie e i bambini per venire a vivere con te". Di solito usa la scusa di dover badare ai figli per le ferie per portarli a Lido di Classe o luogo equivalente.

Coppia istantanea.
"Prima di decidere se vivere assieme a te vorrei conoscere il tuo nome, ma soprattutto vederti alla luce".

Coppia elefante (riferito alla memoria).
"Non me la sento ancora di fidanzarmi con te, soffro ancora per essere stato lasciato dal mio ex trentadue anni fa".

Coppia elefante (riferito al pene).
"OHHHHH! UHHHHHH! TI AMOOOOOOOOOO!"

Poi ci siamo io e il mio Franco. Al di fuori di ogni definizione.